Lo scrittore si racconta
Lo scrittore si racconta: intervista a Matteo B. Bianchi
La scrittura poliedrica di Matteo B. Bianchi, tra romanzi, carta stampata radio e televisione. Ecco l'autore si racconta ai bambini della Grande Fabbrica delle Parole.
  • [ 0 commenti ]

Perché hai cominciato a scrivere libri? Perché mi piaceva leggerli, fin da bambino. Io ho cominciato a provare a scrivere i miei primi libri quando avevo 12 anni, ma non ero tanto capace: prendevo i quaderni disegnavo la copertina, il titolo, pensavo a una storia, ma poi mi stancavo...però cominciavo già a cercare di inventare una storia. Quando inizi a scrivere magari è un po' difficile, ma è come un gioco, man mano impari di più e ti viene più facile.

Scrivi a mano o col computer? No, con il computer perché puoi correggere e riscrivere. Io pasticcio tanto, quindi scrivo con il computer.

È faticoso fare il lavoro dello scrittore? Sì è faticoso perché chi fa lo scrittore non può fare solo lo scrittore: magari impieghi due anni o tre a scrivere un libro, ma non è che con quel libro hai tanti soldi, quindi devi fare altri lavori. Lo scrittore non ha orari precisi, come uno che va in ufficio o guida un camion, perché non è che hai una regola, io certi giorni riesco a scrivere certi giorni non riesco. Però, per guadagnarmi da vivere, devo fare altre cose. Io lavoro in TV.

Ma ci metti così tanto? Sì magari scrivi delle cose, poi non ti convincono: allora butti via e ricominci. Io sono un po' lento a scrivere un libro, ci metto almeno due anni.

Ma ai bambini piacciono i libri che scrivi? Non lo so...io preferisco dei libri per adulti, ma ne ho scritto anche uno per bambini.

Quanti ne scrivi in un mese? In un mese magari scrivo una storia. I libri di solito sono storie lunghe, ma ci sono anche libri che sono fatti di tante storie messe insieme, o storie che finiscono sui giornali, allora le scrivi in una settimana. Però non ci puoi mettere un giorno, ci devi pensare e ripensare.

Cosa hai studiato per fare lo scrittore? Non esistono studi speciali per diventare scrittore, io ho fatto il liceo scientifico che non riguarda tanto le lettere. All'università ho fatto psicologia, pensavo di voler fare lo psicologo. Poi, quando ho finito, ho cominciato a scrivere libri. Ho cominciato scrivendo pubblicità. Sai quelle che vedi sui cartelloni, ci sono delle persone che inventano quelle frasi e io ho cominciato così. Poi ho scritto un po' per i giornali, poi per la radio, ora per la TV. Ho provato tante professioni legate alla scrittura.

Scrivi anche storie di fantasia? Si certo, io ho scritto anche tante cose reali: che sono successe. E poi storie di fantasia che non sono successe a me ma possono succedere ad altri.

Ti piacciono i libri che hai scritto? A me piacciono ma se dovessi riscriverli li riscriverei in altro modo, perché adesso sono cambiato e quindi vedo le cose in maniera diversa.

Qual'è stato il primo libro che hai scritto? Il primo è stato un libricino. Quando facevo l'università c'era una collana che si chiamava libri Millelire, erano libri che costavano molto poco. Io li ho visti e ho detto: che bello, spero di poterne scrivere uno. E ho scritto della mia esperienza personale, stavo facendo l'educatore in una comunità per bambini handicappati. Ora è stato ripubblicato e si intitola "Fermati tanto così".

All'editore piace quello che scrivi? Sì, se no non me lo pubblica. Diciamo che deve piacere tanto all'inizio, perché tanti scrivono e mandano delle storie, ma molte non sono belle, non funzionano. Però quando l'editore ne trova una che gli piace la pubblica, e se l'editore è contento poi ti conosce sa cosa scrivi e si fida di te. Può darsi che ne pubblichi delle altre.

Di cosa parlano i tuoi libri? Alcuni parlano di mie vicende personali, come questo che parla della mia esperienza con i bambini handicappati, bambini con problemi psicologici e mentali. Avevano dei problemi e allora avevano bisogno di qualcuno che li aiutasse.

Rileggi un libro quando lo finisci? Tantissime volte, ma non quando lo hai finito, quando lo scrivi. Al giorno scrivo 4-5 pagine e mentre scrivo le rileggo per vedere se funziona. Il giorno dopo le rileggo, ci ho dormito sopra e me le sono dimenticate: così vedo meglio se funzionano. Alla fine di tutte rileggo, fai così varie volte, finché ti sembra sia tutto pronto. Poi lo mandi all'editore che lo rilegge, ci sono tante persone delle case editrici che controllano, se fai un errore lo correggono. Anche lo scrittore sbaglia!

Ti annoi quando scrivi le storie? No, non ti annoi però certe volte è un po' difficile una frase non ti viene bene, allora devi impegnarti.

Ma è divertente scrivere? Sì è divertente vedere che tu pensi delle storie le scrivi e poi la gente le legge, e vengono a dirti: ho letto la tua storia. A me certi libri li hanno pubblicati anche in Francia Spagna, a volte degli stranieri mi scrivono. È bello perché le tue storie vanno dappertutto. Sono felice perché quando scrivi sei da solo a casa tua, è un lavoro solitario la scrittura, invece poi è bello avere le risposte di chi ha letto i tuoi libri, chi ti racconta come ha trovato la tua storia.

E se uno ti critica? Eh si può succedere anche quello, ti scrivono e ti dicono: questo libro non mi è piaciuto, ma ognuno di noi scrive i libri a modo suo, non è che c'è un giusto o sbagliato, o piace o non piace. A me per esempio non piace la fantascienza, ma ci sono altre cose che mi piacciono tantissimo. Ognuno ha i suoi gusti.

Perché fai lo scrittore? Perché mi piace, è una cosa che senti che puoi raccontare delle storie e ti senti bravo a fare questa cosa, pensi di essere in grado di farlo, come a giocare a calcio, se sei bravo ti viene voglia di continuare.

Ti emozionano i tuoi libri? Ti devono emozionare secondo me, se scrivi una cosa lunga che ci stai su tanti mesi è difficile che lo fai se non ti emoziona e non ne sei convinto. Io sono molto contento quando scrivo certe scene, perché come lettore anche io mi emoziono a leggere quello che ho scritto.

Secondo te è importante fare lo scrittore? Secondo me sì, è importante saper usare bene le parole perché se sai farlo puoi farti capire bene dagli altri, dare delle risposte, parlare a nome di chi non lo può fare. E in questo momento c'è più attenzione alle cose visuali, ma è importante conservare molta attenzione a quello che si dice,

Da quanti anni fai lo scrittore? Io scrivo veramente da quando ho 20 anni, ma ho iniziato a pubblicare a 25.

Quali sono gli ingredienti per fare una storia? Bisogna avere soprattutto l'idea di un personaggio, un protagonista, e capire chi è, di chi parla questa storia. Poi ci sono anche altri personaggi che stanno intorno, e l'antagonista. Il protagonista può essere anche un animale o un albero, non è detto che sia un essere umano. Poi bisogna avere un'ambientazione, il luogo dove si svolge la storia. Se ambiento la storia in campagna succedono delle cose, se la ambiento in città succedono altre cose, o anche al tempo, se la ambiento in inverno accadono delle cose, in estate delle altre. Terza cosa bisogna che questo personaggio faccia qualcosa, il personaggio deve avere dei desideri: ad esempio se è una storia d'amore deve conquistare la sua fidanzata, se è in battaglia deve vincere eccetera eccetera.  

 

 

  • [ 0 commenti ]
Per inserire un commento registrati o effettua il login in alto a destra
0 commenti

Rubriche